• Flagge Slowenien

Impiego della colletta

e tutelare la salute delle donne, corsi di formazione e specializzazione per ragazze e donne, ecc. I progetti selezionati beneficiano di un supporto finanziario per la durata di un anno. Il Comitato svizzero della Giornata mondiale di preghiera partecipa al finanziamento di progetti esistenti o versa un contributo una tantum per incentivare l’avvio di un nuovo progetto.

Dedotte le spese amministrative, la parte preponderante dell’importo raccolto con la colletta serve a finanziare la formazione e il perfezionamento professionale delle donne in Africa, Asia, Sudamerica, Europa dell’Est e nella regione del Pacifico. Sono offerti corsi in svariati ambiti: dalla possibilità di frequentare la scuola elementare, secondaria, media e commerciale fino alla formazione professionale o al conseguimento di un diploma universitario. Sono numerose le donne che ogni anno possono beneficiare di una formazione e di una specializzazione di questo tipo. Tali progetti si articolano spesso su diversi anni.

Per i progetti attuati nel paese di provenienza della liturgia è responsabile il Comitato svizzero della Giornata mondiale di preghiera. L’autorizzazione per i progetti internazionali e il conferimento delle borse di studio spetta invece alla Commissione ecumenica «Colletta della Giornata mondiale di preghiera». Questa commissione è composta da rappresentanti del Comitato svizzero della Giornata mondiale di preghiera, delle Donne Protestanti in Svizzera (EFS), dell’Unione svizzera delle donne cattoliche (SKF) e dell’Associazione delle donne cattoliche cristiane (VCF), che collaborano con diversi enti caritativi cristiani, chiese, comunità (ordini religiosi) e organizzazioni di donne cristiane.

Nuova cooperazione nell’ambito del progetto per le Bahamas, paese GMP 2015, da parte dei Comitati GMP di Germania, Austria e Svizzera, quali Paesi mantello della GMP.

Durante i preparativi della GMP 2013 Francia, è emerso con chiarezza che i responsabili di progetto di tutti e tre i paesi si trovano confrontati con sfide comuni per quanto concerne la ricerca di organizzazioni partner o, rispettivamente, la scelta di progetti convincenti e la loro efficace presentazione al pubblico (per motivarlo a partecipare alla colletta). Si è palesato il fatto che, benché il lavoro venga svolto nei tre paesi in presenza di condizioni quadro molto diverse, tanto a livello concettuale e organizzativo quanto a livello finanziario, sovente per i progetti ci si rivolge alle stesse organizzazioni partner. Da qui è nata l’idea di preparare e finanziare insieme i progetti per il paese su cui si incentra l’annuale GMP. Tale decisione poggia su diverse buone ragioni:

•per i Comitati GMP, un finanziamento comune significa realizzare «progetti GMP» comuni e visibili, ovvero rafforzare il profilo e la collaborazione dei Comitati GMP;

•per i responsabili di progetto significa unire le forze nella ricerca dei progetti e impiegare in modo sensato le risorse disponibili attraverso un cofinanziamento;

•per la potenziale organizzazione partner, il fatto di far confluire insieme tanti piccoli finanziamenti garantisce la promozione dei progetti sul lungo termine (fino a tre anni), conferendo così ai progetti stessi una sostenibilità ottimale.

Questo lavoro di cooperazione è stato avviato per la prima volta per le Bahamas, elaborando assieme all’associazione partner «Bahamas Crisis Centre» un progetto con un concetto ampio e dettagliato. Sulla base di queste prime esperienze positive raccolte, si è deciso di consolidare e consolidare la collaborazione anche per Cuba, il paese scelto per la GMP 2016. A tal fine si è provveduto a elaborare delle direttive di collaborazione e a preparare la documentazione relativa ai contratti di cooperazione.

BIGtheme.net Joomla 3.3 Templates

Giornata Mondiale di Preghiera svizzera